Parchi gioco: prendiamoci cura dei giovani da quando sono bambini

01/04/2017 di Spoleto a 5 Stelle Nessun commento »

I 5.000€ nel piano di investimenti sul verde attrezzato ci danno lo spunto per far emergere il triste stato in cui versano tutti i parchi gioco e i giardini pubblici di Spoleto dal centro storico alle periferie, e per prendere in esame alcune delle normative vigenti in fatto di materiali, sicurezza e pavimentazione.

Confrontando i requisiti delle norme, una tra tutte la UNI EN 11123 del 2004 “Guida alla progettazione dei parchi e delle aree da gioco all’aperto”, con lo stato dei giardini pubblici locali, ci si rende conto da subito che non c’è un solo parco spoletino che sia completamente a norma.

La normativa UNI EN 1176 invece prevede che le attrezzature per parchi gioco debbano essere regolate da un servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria a carico dell’acquirente, per garantire le condizioni di funzionamento e sicurezza nel tempo. La frequenza di tali controlli dovrebbe essere di almeno n°1 intervento a semestre.

Il tema, che può sembrare di poco conto, da la percezione di quanto il modello di città disegnato, anche attraverso il bilancio previsionale dall’Amministrazione Cardarelli, non tenga conto delle esigenze dell’infanzia destinando alle scuole e al verde pubblico stanziamenti vicini e pari allo zero.

Un censimento dei giardini pubblici nella nostra città ci darà chiaramente la certezza che questo Comune, e questa comunità, non stanno dedicando ai bambini gli spazi e le attenzioni che meritano. Vogliamo portare all’attenzione quindi lo stato di degrado un cui versano i giardini pubblici e gli spazi verdi della città, dal centro storico alle periferie, passando per il bellissimo e abbandonato parco di Villa Redenta.

I giardini di Spoleto sono dei non luoghi, sporchi, trascurati, con giochi spesso fatiscenti quando addirittura pericolosi. Se ci vogliamo davvero prendere cura dei nostri ragazzi, dobbiamo farlo fin dalla più tenera età.
Intanto abbiamo interloquito con l’Assessore Campagnani denunciando questa situazione ed anche per chiedere di investire più risorse nel verde pubblico, nella convinzione che bisogna prendersi cura dei ragazzi fin dalla loro più tenera età.

Lascia un Commento

Questo sito utilizza i cookie per il corretto funzionamento, continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi