MOBILITÀ E NUOVI STILI DI VITA

mobilità diversa e nuove forme di spostamento – treni e trasporti Roma e Perugia – chiusura traffico solo quando serve – mezzi pubblici con carburanti ecologici (risparmio per Spoletina) – distributore gas metano comunale – Piazza d’Armi area dello Sport e Turismo Sportivo – ristrutturazione e manutenzione palestre e centri sportivi comunali.

NUOVI STILI DI VITA

Progetti per stimolare nella cittadinanza scelte quotidiane sobrie e sostenibili, quali: autoproduzione, filiera corta, cibo biologico e di stagione, sostegno alla costituzione di gruppi di acquisto, sviluppo della green economy, turismo ed ospitalità sostenibili, promozione della cultura della pace, cooperazione e solidarietà, disimballo dei territori, diffusione commercio equo e solidale, autoproduzione, finanza etica, etc. v. le altre “4 stelle”.

PERCORSI SICURI e PIEDIBUS PER ANDARE A SCUOLA

Percorso pedonale colorato con PIEDIBUS: autobus umano fatto di una carovana di bambini in movimento accompagnati da due adulti, con capolinea, fermate, orari e un suo percorso prestabilito che percorre le principali strade che portano alle scuole.

RISCOPRIRE I LUOGHI DELLA CITTA’

Uso degli spazi naturali e loro valorizzazione, recupero di cortili, aree dimesse, spazi naturali e urbani, rimozione di barriere architettoniche per disabili.

PISTE CICALBILI E PEDONALI. PARCHEGGI DI BICICLETTE

Mettere in opera una segnaletica permanente, sui percorsi ciclabili ed escursionistici (bellissimi) della nostra valle e delle zone montane, con indicazioni relative a lunghezza, difficoltà, tempo medio di percorrenza, ubicazione delle fontanelle (che stanno inesorabilmente, ad una ad una, scomparendo); mappa dei luoghi di maggior interesse artistico; e poi, sensibilizzare gli albergatori affinché attrezzino locali per rimessa bici, officina per piccole riparazioni, per adeguare anche gli orari dei pasti principali alle esigenze dei ciclisti, escursionisti, etc. (Es. Romagna: alcuni alberghi assistono con mezzo proprio, la carovana di ciclisti, distribuendo acqua, panini e intervenendo su piccoli eventuali guasti). Stampa di mappe e depliant specifici. Rastrelliere per biciclette nelle zone di Spoleto “bassa”.

TRASPORTI ROMA E PERUGIA

Trattative serie con Trenitalia, o in alternativa agendo su ente Ferrovia Centrale Umbra, per ristabilire corse per Roma soppresse, e potenziare corse per Perugia, nonché progettare un collegamento per Roma Fiumicino aeroporto (tramite collegamenti con Orte più semplici). Stabilire corse Spoletina trasporti (a metano) per Roma zone terminali metropolitana, e Fiumicino aeroporto, o semplicemente con la stazione di Orte da cui partono numerosi treni metropolitani. Prevedere pacchetti o convenzioni per treni speciali notturni durante il Festival (solo giorni lavorativi, per non penalizzare alberghi).

VIABILITÀ DINAMICA

A seconda delle esigenze variazioni giornaliere o orarie (a spot) sulla chiusura del traffico e sui percorsi stradali.
Riorganizzazione del traffico in modo dinamico: a seconda dell’intensità si mettono i varchi, evitando giri inutili dannosi per l’ambiente. Uso del buon senso.

PARCO AUTOMEZZI PUBBLICI – CARBURANTI PULITI

Tutto il parco macchine pubblico del comprensorio dovrà essere elettrico o a carburanti ecologici (metano etc.) (per automezzi del comune, sportelli, vus, polizia municipale, spoletina).

DISTRIBUTORE COMUNALE

Un distributore di carburanti che nasce per volontà della stessa amministrazione comunale e che ha, come primo obiettivo, il risparmio del cittadino, con la possibilità che l’amministrazione ha di fornire al cittadino il carburante con un prezzo alla pompa inferiore di 10/20 cent per Litro rispetto ai normali distributori. Si tratta del cd. Marketing Istituzionale: il comune fornisce un servizio al cittadino e crea in esso  soddisfazione per il risparmio che il servizio gli offre, quindi la vendita del carburante a minore costo crea una fidelizzazione del pubblico verso
la figura istituzionale e contemporaneamente un’entrata per le casse dell’amministrazione (un entrata non inferiore a quella degli altri distributori, visto il risparmio dovuto al diverso canale di approvvigionamento e all’assenza di costi per la promozione e pubblicità che invece hanno le compagnie petrolifere). Il primo distributore comunale è stato creato nel comune di Pizzoferrato in provincia di Chieti, su un progetto di un cittadino come gli altri diventato consigliere comunale attraverso una Lista Civica che ha riscosso enormi consensi. Si può ripensare il progetto in un ottica con aspetti più ambientalistici e meno concorrenziali. Per alcuni e soprattutto per chi lavora alla pompa di benzina, questo progetto potrebbe essere visto come una sorta di concorrenza “sleale”, ma se la pompa comunale non fornisse benzina e diesel, che tra l’altro
sono carburanti altamente inquinanti, ma fornisse solo quelli più ecologici come GPL e Metano? La fondatezza di tale progetto potrebbe pervenire non solo dal dato oggettivo che moltissimi automobilisti sono passati ad auto con doppia alimentazione, ma anche dal fatto che da poco lo Stato ha riavviato la campagna di contributi per l’istallazione di un impianto ecologico.

RISANAMENTO SSIT (SPOLETINA)

La SSIT è una SPA nella quale partecipa sia la Provincia di Perugia che il Comune di Spoleto, e il problema ci tocca da vicino. Si è sempre detto che la SSIT è in perdita perché, sebbene abbia a disposizione materiale umano specializzato e un vasto parco di automezzi, si trova ad operare in un territorio vasto e a servire località, in certi casi, anche molto distanti l’una dall’altra. Pertanto uno dei costi che maggiormente incidono sono quelli del carburante.
Una delle soluzioni è agire sul costo del carburante. Oggi la tecnica permette di aggiornare e convertire mezzi diesel con specifici impianti a metano. La conversione dei motori diesel è possibile e altamente ecologica, con impegno economico contenuto e ammortizzabile in un breve tempo, visto anche il costo del metano e la percentuale impiegata nella miscela propellente degli attuali sistemi (una proporzione di circa 25% gasolio e 75% metano). Se la SSIT trasformasse il proprio parco automezzi da alimentazione a gasolio a alimentazione a miscela metano/diesel, si avrebbe non solo un beneficio per il risanamento della situazione finanziaria aziendale, ma anche un benefit a livello ambientale. Il risparmio in termini energetici sarebbe di circa il 20% e in termini economici intorno al 60%.
La proposta del distributore comunale per gli spoletini può concretizzarsi trovando la location operativa internamente all’area di proprietà della SSIT. Le spese per l’istallazione del servizio di distribuzione carburanti ecologici sarebbero ancor più giustificabili se lo stoccaggio del GAS/METANO fosse ad uso anche degli stessi mezzi della Società Spoletina.
Inoltre allestire TABELLE E MAPPE GRAFICHE dei percorsi e degli orari dei trasporti pubblici in ogni fermata.

Questo sito utilizza i cookie per il corretto funzionamento, continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi